Palaggiu

Parcheggiamo la macchina sul ciglio della strada. Davanti a noi, oltre il parabrezza, un muretto di cemento su cui sono appena visibili una scritta scolorita e una freccia che indica, verso destra, l’imbocco di una strada sterrata. Palaggiu. È stato scritto a mano, con un pennello, chissà quanto tempo fa. Molte volte siamo passati da […]

Read More Palaggiu

Solo qualcuno che ci siamo raccontati

L’ultima volta che l’hai visto non la ricordi. Ricordi però perché non l’hai visto più, ossia, il motivo vero. Certo vi sareste persi di vista comunque, certo le amicizie adolescenti non sopravvivono al tempo, ai luoghi mutati, al cambiamento, tutte cose che portano ognuno a sporcare con minuscole imprecisioni la copia carbone del sé del […]

Read More Solo qualcuno che ci siamo raccontati

Sotto il vulcano

15:43 Ormai è fatta. Mi sono abituato. La voce del vulcano non mi tormenta più. Ormai è solo un contrappunto, come la voce delle mie inquietudini sotto traccia. Sì, tutto bene. L’unico neo è la fiacca a mille, per cui se senti un tonfo e poi il nulla non ti stupire. Significa che il cellulare […]

Read More Sotto il vulcano

Effetti collaterali

Le tende della suite sono mezze chiuse. Quattro stanze e due bagni, nell’attico dell’albergo più caro della città. Le altre camere del piano dovrebbero essere vuote. Le hai controllate? chiede Pietro. Salvatore, giacca nera, cravatta nera, auricolare di plastica nell’orecchio, scuote la testa. Eh no! sbotta Pietro. Vede Ferid poco distante: giacca nera, cravatta nera, […]

Read More Effetti collaterali

20 luglio 2013

di Davide Ricchiuti I Soffro come se fossi nel mezzo di una tempesta nell’oceano che mitraglia correnti nascoste e inghiotte sogni, ma senza nessun faro su un promontorio a illuminarmi la rotta. Sono rotto. O forse ancora no. Eppure i miei tendini si tendono troppo. Ho la copertina di North Europe Lighthouses davanti agli occhi, […]

Read More 20 luglio 2013

Love me Tinder

di Luca Romiti tutto è cominciato con l’emoji di un pesce oppure tutto è finito con un messaggio che diceva che volevo dirle che mi dispiaceva fosse andata così, che non ci eravamo più sentiti e poi avevamo smesso e che quindi glielo dicevo nel mezzo c’è stato qualcosa soprattutto sullo schermo dei nostri cellulari […]

Read More Love me Tinder

Le verità di Facundo

di Massimiliano Piccolo Si era mosso da Buenos Aires diversi anni prima. O almeno così si diceva in giro. Qualcun altro ipotizzava che avesse viaggiato per tutto il Sudamerica, con il solo zainetto da trenta litri sulle spalle, prima di trovare la propria casa in quel posto così raro. Tra i tanti luoghi che avrebbe […]

Read More Le verità di Facundo

Piscialletto

di Tommaso Aramaico Sdraiato a terra con le dita incrociate dietro la nuca e le gambe alzate sul letto, fingo di guardare la televisione. Che c’è?, mi chiede la donna che qui, per comodità, chiamerò Moglie e, all’occorrenza, Madre. Faccio cenno di no. Non c’è niente. Accarezza il piumone per invitarmi a stendermi accanto a […]

Read More Piscialletto

Schiere

di Elena R. Marino Guardiamo in su e vediamo una grande luminosa palla che ci sovrasta, e rimaniamo a lungo a guardarla, e se proviamo a non guardarla non c’è molto altro da guardare, poiché riusciamo a vedere solo le nuche di quelli davanti a noi, anzi, per essere precisi, quasi solo la nuca di […]

Read More Schiere

Poco, pochissimo

di Francesca Mattei Nella città in cui vive Vanessa non c’è la metro. Non c’è neanche il tram, e gli autobus non circolano dopo mezzanotte. All’ora dei pasti le strade sono deserte e i pedoni camminano in mezzo alla carreggiata. Vanessa ci abita da quando è nata, il che significa da una vita. Vanessa porta […]

Read More Poco, pochissimo